Crea sito
 

Il blog del Coniglio Timoti

Il Parco Nord in visita ai bambini dell'Ospedale Bassini di Cinisello Balsamo

Salta

Siete curiosi?
Io credo che in fondo tutti lo siamo.

Quando vediamo cose strane prima o poi ci viene da chiedere “perché?”
A me capita spesso, e inoltre voglio documentare tutto!

Perciò vado sempre in giro insieme alla mia macchina fotografica, fedele compagna di avventure, a dare la caccia alle cose strane che ci sono in natura sopra gli alberi o sotto i sassi, su in montagna giù in pianura, a piedi o a cavallo… e se trovo qualcosa di particolare, certo, voglio sapere perché è cosi!
E parlando di cose strane… io sono argentina (non è che io sia la cosa strana… o forse si?), e siccome nel mio paese c’è tanto di natura, anche vicino alle città, ci sono tante cose strane e belle da vedere e documentare!.

Anni fa, quando ero ancora all’università, ho trovato, in campagna, dei bei grossi alberi, ma un po’ particolari… sembravano molto vecchi, perché erano molto alti, con una chioma strepitosa, piena di fiori bianchi.
Ma è stato il loro tronco ad attirare la mia atenzione…era… come dire… gonfio! Sembrava proprio che avessero bevuto tutta l’acqua della pioggia… e ce l’avesse ancora nella “pancia”, e poi la corteccia era piuttosto liscia, grigia ma tutta piena di spine nere grandi come una noce, e molto appuntite. Ho fatto le foto di rigore… ma volevo sapere il nome di quest’albero e il perchè di questo tronco così… spinoso e gonfio!.

Allora sono andata a trovare una mia amica scienziata all’Università, una scienziata un pò particolare lei… sempre tra le piante e gli insetti, una di quelle persone che non ha mai gli occhiali nè i capelli al suo posto, tanto che a volte sembra di avere delle piante sulla testa… ma… forse ce le ha davvero! Lei arrivava sempre in classe con il suo camice bianco (più o meno), il cui taschino è sempre pieno di matite e … chi sa che altre cose!
E tirava fuori un quaderno che aveva le foglie tutte rotte e piene di scritte strane. Le sue lezioni erano le più belle perchè ci raccontava sempre storie strane sulle piante e sugli alberi che ci sono nella mia provincia.

Mi ha detto che questo albero si chiama “yuchan” (una parola aborigena) o “palo borracho”, cioè palo ubriaco, perché sembra che abbia bevuto tanto vino e sia rimasto con la “pancia” gonfia.
Ma mi ha detto anche che qualcuno le aveva raccontato un’altra storia…
Tanti anni fa in una grande pianura di quelle che ci sono nel mio paese, c’era un albero, molto alto con questa chioma grandissima e i suoi bei fiori bianchi, e sotto di lui c’era un grandissimo formicaio.
Un giorno si sentì un rumore fortissimo… le formiche si guardarono intorno e videro arrivare un animale immenso che non avevano mai visto prima!
Sembrava un orso… ma aveva il pelo molto lungo, di un bellissimo colore marrone scuro, con le zampe bianche e una coda lunga, così come il muso…
Ma un orso con la coda lunga???
E il muso lungo?
Erano così concentrate a cercar di capire che genere di animale fosse, che questo continuò ad avicinarsi.
Da vicino era ancora molto più bello!
Ma oltre al muso e la coda, aveva anche una lingua lunghissima… e certo cercò di catturare le formiche per mangiarle!
Caos!!!
Panico!!!
Allora era un orso, si, ma… formichiere!!!!
Tutte le formiche cominciarono a correre per cercare rifugio da qualche parte, ma il formichiere con quella lunga lingua raggiungeva tutti i nascondigli!!!
Alla fine scoprirono un piccolo buco nel tronco dell’albero e si nascosero tutte lì dentro… forse dentro l’albero il formichiere non ci sarebbe andato.
Così il tronco diventò molto largo, con questa forma un po’ rotonda e una parte dei suoi rami, quelli che erano appena nati, si trasformarono in grandi e appuntite spine… per accertarsi che il formichiere non si avicinasse neanche.
Certo.. spaventato e anche sconcertato, il fomichiere andò via a cercare cibo da un’altra parte dove gli alberi fossero meno “aggressivi”.
Le formiche uscirono tranquile ma il tronco del yuchan rimase con quella forma molto particolare e le grandi spine.

Questa storia mi sembrava simpatica, ma volevo certo sapere (ancora…) chi gliela aveva raccontato!
La scienziata mi disse che un giorno le arrivò una cartolina di un posto chiamato “Dragones”, nella sua provincia di Salta (in Argentina).
La inviava un tale Brughillo, e le diceva che lui era uno di quelli che non poteva stare fermo molto tempo, gli piaceva viaggiare (soprattutto dentro ai taschini) ed era stato nei posti più belli del suo paese (e anche del mondo).
Così conosceva la storia di tutti gli alberi, ma non aveva trovato mai nessuno a cui interessassero queste storie, perché adesso è più facile e divertente guardare su internet che ascoltare qualcuno che te le racconti…
Ma Brughillo aveva capito che la mia amica aveva un gruppo di studenti molto curiosi, appassionati degli alberi e delle storie, e aveva pensato di raccontare loro attraverso la loro professoressa, tutto quello che aveva imparato nei sui viaggi, se lei era d’accordo.

E certo che lo era. Brughillo non si fece mai vedere, ma tutti i mesi alla mia amica arriva una cartolina con un bel timbro tondo in cui compaiono un paio di occhi molto grandi e le antenne di qualcosa che sembra un insetto.
E c’è sempre scritta una storia di un albero o una pianta da qualche parte del mondo…
Lei la mette dentro al suo quaderno e ogni tanto ce le racconta.

Carolina

—————————————————————————————————————————————————-

Ciao
siamo i bambini dell’ultimo anno della scuola dell’infanzia Marconi di Cinisello Balsamo (sez. A-B-C-D).
Ci chiamiamo: Anais, Enrico, Simone, Daniel, Giada, Denise, Cristian, Samuele, Marina, Emma, Paolo, Ivan, Michael, Matteo, Melisa.
La maestra ci ha letto la vostra lettera e abbiamo visto che la vostra scuola è bella e carina e che imparate tante cose con la vostra maestra Patrcia.
Un giorno vorremmo venire a trovarvi; anche la nostra scuola è bella ed è formata da 4 sezioni che prendono il nome degli animali: Api, Pesci, Pulcini, Topolini.
Qua ci divertiamo tanto, facciamo le gite e le maestre ci insegnano tante belle cose della natura.
Il nostro giardino è grande, ci sono tanti alberi, le panchine e i giochi.
Adesso da noi è quasi finita la primavera e sta per iniziare l’estate, gli alberi sono ricoperti di foglie verdi che ci fanno tanta ombra.
Perchè fa caldo.
In giardino noi giochiamo sullo scivolo, a nascondino, a mamma e figlio, a prenderci, e costruiamo le casette con i mattoni di plastica.
Tra un po’ andremo alla scuola primaria e impareremo a leggere e scrivere e incontreremo bellissime e bravissime maestre.
Il Parco Nord è molto grande, infatti quando siamo andati Massimo e Laura ci hanno portati nel bosco.
La prima volta abbiamo raccolto le foglie, la seconda ci hanno fatto camminare con i piedi scalzi sul cippato (pezzetti di legno), sui tronchi degli alberi tagliati e sulla paglia.
Massimo inoltre ci ha detto che Brughillo è ammalato e che ha la brughillite. Quindi noi dobbiamo cercare il modo per poterlo guarire.
A proposito, volete sapere che animale è?
E’ un bruco con le ali.
Laura invece ci ha raccontato la storia di “Cucciolo e Brughillo”.
Adesso siamo alla fine del nostro anno scolastico e tra un po’ di giorni andremo in vacanza a divertirci: al mare, in montagna, al lago e in campagna.
Comunque vi invitiamo a guardare su internet i nostri lavori.
Gruppi della scuola laterna: Pulcini-Api e Topolini-pesciolini.
Sicuri di una vostra risposta vi mandiamo un grosso ciao!!!!

La nostra visita al Parco Nord

————————————————————————————————————————————————-

Salta, 4 giugno 2006

Ciao a tutti!!! Prima di tutto vorremmo chiedere scusa per non aver risposto prima, ma alla nostra maestra a volte manca il tempo perché è molto impegnata.
Sapete che nelle scuole di Salta è molto dificile trovare classi con 18 alunni come le vostre? Qui arrivano a 40 alunni per aula!! Nella nostra ci sono 30!

Ci è piaciuta tantissimo la vostra lettera, è molto bello avere notizie di ragazzi che vivono così lontani da noi, e le cose che fanno a scuola. Sono anche belle le foto perché ci fanno vedere la scuola, le aule, ecc. noi pensiamo che le aule sono simili a quelle nostre, ma che bel cortile!!! E voi siete fortunati ad avere il trampolino e la piscina!!!!

Un’altra cosa che ci ha raccontato la maestra è l’orario della scuola, perché noi qui entriamo alle 14.00 e ce ne andiamo alle 18.15, quindi facciamo il pranzo in casa, ma ci immaginiamo che sarà molto divertente mangiare insieme ai compagni di classe, non è vero?

Ci è piacciuto tanto che ci abbiate raccontato la vostra visita al Parco, specialmente perché abbiamo sentito, attraverso di voi, tante cose nuove sui funghi. Tanti di noi non li abbiamo visti mai in natura. Ci sono in alcuni posti vicini, ma noi non andiamo in gita molto spesso!!! Li vediamo soltanto nel supermercato!!!

La maestra Patricia ci ha raccontato come sono, li abbiamo disegnati e abbiamo cercato informazione nei libri. Alcuni dei nostri compagni conoscevano solo quelli dei cartoni animati! È molto interessante sapere che alcuni sono velenosi per gli umani ma non per gli animali! Grazie di questa informazione!

Sapete un’altra cosa? La Direttrice della nostra scuola ama la biologia, e dice che la natura è il suo grande amore… e quando ha letto la vostra lettera è rimasta affascinata del fatto che bambini di quell’età studino cose del genere. Ha detto di fare i complimenti alla maestra Alessandra!

Noi non abbiamo un posto come quello per studiare la nostra natura (o meglio, ci sono posti, ma sono piutosto lontani della città) ma lo facciamo lo stesso con altre risorse… nella nostra scuola ci sono grandi alberi, alcuni molto vecchi altri non tanto, ed è in questo giardino che noi raccogliamo materiali per dopo analizzare in classe: foglie, insetti, rami, frutti, ecc.

Questo mese stiamo imparando diversi tipi di suolo, e le risposte dei semi in ogni uno di loro. Abbiamo dei piccoli cassetti, con humus e sabbia, li abbiamo portati a scuola per vedere cosa sucede… ; una delle nostre compagne ha messo troppa acqua nel suo… la maestra ci ha detto di osservare il risultato… sarà possitivo?

In questo periodo siamo in autuno… ma è un po’ stranno, perché il caldo non vuole andare via!!! E alcuni alberi stano faccendo ancora le gemme, incredibile, no? Ma siamo in una zona abbastanza calda, quindi il caldo è naturale per noi (a volte d’estate abbiamo 41 gradi!!!!).

Sapete che anche noi, come voi, siamo riusciti ad osservare, un giorno girando il girdino della scuola, i tronchi dove gli insetti vivono e fanno le loro gallerie? La maestra dice che sono architetti!!! Che ne pensate?

Un messaggio per Marco Mazzei… lo sai che a Buenos Aires c’è un attore (molto bello tra l’altro e le ragazze muoiono per lui) che si chiama Fabian Mazzei? Sarà un tuo parente?

Va bene, vi salutiamo alla prossima volta. Speriamo che nella prossima lettera ci racconterete la vostra esperienza al parco in maggio (nella lettera diceva che sareste tornati al parco in quella data). Potete anche inviarcii l’indirizzo postale della scuola?, vorremmo inviarvi una cartolina della nostra terra così vedete quanto è bella!
A presto cari amici! Saluti da questa terra lontana che ospita tanti italiani!!! (Lo sapevate? )

Ciao a tutti i ragazzi e le maestre!!!
I ragazzi della Scuola Belgrano (Salta – Argentina)

————————————————————————————————————————————————–

Salta, 4 giugno 2006

Ciao!!!! Che bello che ci avete scritto!!! Quando abbiamo inviato la prima lettera, invitati da Carolina e Massimo a partecipare a questa avventura, avevamo tante aspettative, riguardo alle risposte di altre scuole, perciò siamo felici di poter contattarci con voi!!!!!

Sebbene alcuni di noi abbiamo antenati italiani, non sappiamo nemmeno una parola della vostra lingua, ma in ogni caso la maestra ci fa leggere le lettere in italiano, e così ci divertiamo tanto. Dopo lei ce le traduce, ma vi raccontiamo un piccolo segreto…a volte lei deve guardare nel vocabolario…

Sembra che la nostra scuola sia simile alla vostra perchè anche noi abbiamo un grande giardino con alberi per giocare e rilassarci (i maschi giocano tanto a calcio, la nostra grande passione… chi vincerà questo mondiale? Sapete una cosa? Siamo molto contenti perché a scuola ci lasceranno guardare le partite che la nazionale argentina giocherà durante l’orario di scuola!!!!).

Quanto è bella la vostra città!!! Peccato che sono chiuse tante industrie… perché è successo? Questo fatto non diminuisce la quantità di posti di lavoro? Noi non abbiamo tante industrie qui, la nostra è una provincia piuttosto agricola e ci sono allevamenti di bestiame, adesso “la nostra grande industria” è il turismo!!!!

Ma le nostre città hanno qualcosa in comune, dal punto di vista storico: la nostra provincia e città hanno partecipato alla difesa delle frontiere a nord del nostro paese nelle lotte per l’indipendenza dai conquistatori spagnoli. L’hanno fatto con poche risorse, più che altro il coraggio dei “gauchos” a cavallo. Sapete cosa sono i “gauchos”?

Abbiamo ricevuto altre lettere, ma quella in cui si descrive meglio il Parco è la vostra, sembrava come se lo stessimo vedendo davvero!!!! Mentre la maestra ci raccontava quello che voi dite del parco nella lettera, ci immaginavamo di correre lì, respirare quel aria pulita di cui parlate, e la maestra ci ha detto che forse quando saremo uomini e donne potremmo andare li e ricordare questo giorno!!! Magari!!!!

Anche qui ci sono posti meravigliosi dove l’aria è pulitissima, non c’è ancora tanto inquinamento, ma le nostre leggi non proteggono troppo… ci chiediamo come saranno le cose nel futuro??

Il 28 febbraio quando voi eravate andati al parco la temperatura era di 2.7°C … invece qui stavamo morendo del caldo… e ricominciava la scuola dopo le vacanze d’estate…

Da noi non c’è un parco come il Parco Nord, ma ci sono altri posti più piccoli dove andiamo a cercare del materiale per studiare (foglie, pezzi di rami, fiori, frutti, ecc.).
Il giardino della nostra scuola è molto grande, e ci sono tanti alberi e altre piante.

Ma anche qui nel nostro paese ci sono gravi problemi ambientali: uno nella nostra provincia è l’intenso disboscamento che insieme alle forti piogge, provocano frane, piene dei fiumi, ecc…; in un’altra provincia si sta per aprire una grande fabbrica di carta, con il rischio di inquinamento di un fiume e la città che è vicina. Si sta parlando molto, ma non si fa troppo…

Siete tornati al parco? Sarà già stata primavera, vero? Sarà bellissimo!!! Ci racconterete come è stata la esperienza di tornare e vederlo così diverso? Riuscite anche ad inviarci delle foto?
Quando ci scriverete ancora, speriamo sia presto, ci inviate l’indirizzo postale della vostra scuola, così vi inviamo delle cartoline della nostra terra, così vedrete quanto è bella!!! Ci sono dei posti magici, dove l’aria è pulita e i colori ti fanno sognare!!!
Vi inviamo anche noi abbracci e cari saluti a tutti, ragazzi e professoresse!!!!

È un vero piacere contattare gente del “vecchio mondo”, per sapere delle loro vite e soprattutto la loro natura!!!
Ciao a tutti!!!! E se vedete Brughillo, salutatelo, noi qui l’abbiamo già conosciuto!!!!, anche lui ha attraversato l’oceano!!!
Alla prossima!!!

I ragazzi del terzo anno della Scuola Belgrano di Salta

————————————————————————————————————————————————–

Cari bambini

Che bello è stato ricevere la vostra lettera! Ci siamo entusiasmati tantissimo quando abbiamo letto la vostra lettera, perché ci piace tanto conoscere gente di altri paesi e che ci raccontino delle loro vite… le cose che fanno… cosa studiano…dove abitano…ecc.

Sapete che qui adesso è autunno?…. Questo anno si è caratterizzato per una stagione intensamente umida (l’estate), con tantissime piogge, che, in alcuni paesi della nostra provincia, ha provocato grandi inondazioni e tanti danni, sia all’ambiente che alla gente; questo è successo in alcuni paesi, chiamati Tartagal o Mosconi, che si trovano a 200 chilometri della città di Salta. Dobbiamo dire anche che questa stagione ci tiene un po’ spiazzati, perché si alternano giorni con temperature molto basse (per noi), 9 gradi, e altri giorni invece ci sono 28 o 30 gradi…..puff!!! fa caldo!!

Vi raccontiamo che insieme alla nostra maestra Patricia abbiamo cominciato a investigare il perché di tanti cambiamenti nel clima, e soprattutto nella quantità di pioggia caduta. Abbiamo cercato nei giornali e altri articoli di esperti nell’argomento e la conclusione è stata che la deforestazione e il taglio eccessivo degli alberi, da parte soprattutto di alcune imprese straniere, che si sono stabilite nel posto per seminare soia o grano turco, sono i responsabili di questi danni, che noi consideriamo irreversibili.

Tutto questo succede in una zona che è stata dichiarata RISERVA DELLA BIOSFERA, che si trova in un ambiente chiamato LAS YUNGAS, in questa zona esistono specie arboree autoctone di grande valore. Purtroppo questo sembra non interessare a tutti….

Cambiando argomento… sapete che nella nostra città non nevica? L’ultima volta che questo è successo è stato l’anno 2000!!! Noi eravamo molto piccoli e non ci ricordiamo molto, la maestra ci ha raccontato che nel posto dove abitate voi, che ci ha fatto vedere sulla mappa, c’è tantissima neve …. questo ci fa venire un pochettino d’invidia!!!! Perché ci piacerebbe tantissimo giocare nella neve almeno una volta!!! Riusciamo ad immaginare come vi sarete divertiti quando siete stati al PARCO NORD con la neve…. perché sicuramente Massimo vi avrà fatto anche giocare, vero? O avete solo studiato??

Vorremmo che ci raccontaste come è vivere con tanta neve…. Ci immaginiamo che ci saranno delle cose molto belle ma anche altre non tanto belle…. sicuramente sarà molto difficile fare certo tipo di coltivazioni, ad esempio… Ma come sarà bello giocare con le palle di neve …come si vede nei film!!!!

Noi qui nella nostra città non abbiamo un parco così grande come quello che avete voi a Milano, con visite guidate e una persona così gentile come Massimo che vi spiega tante cose interessanti ….ma approssimativamente a 100 chilometri della nostra città si trova il “PARQUE NACIONAL EL REY” (Parco Nazionale Il Re) dove ci sono i guardaparco, che con tanta gentilezza fanno vedere e conoscere le meraviglie della nostra natura… un’altra volta vi invieremo delle foto e altri dati molto interessanti!!!

Ah! Abbiamo visto BRUGHILLO su internet!!!!! Siamo molto curiosi ….che genere si animale è?? una formica??….vive nel parco?…….perché si chiama cosi??? una delle nostre compagne, Guadalupe, l’ha disegnato (vi inviamo anche il disegno, così vedete come l’ha fatto…speriamo l’abbia fatto giusto!!!!!

Settimana scorsa abbiamo fatto una piccola ricerca nel parco interno della nostra scuola per vedere come sono gli alberi in autunno ….. e oh sorpresa!!!!! Alcuni avevano le foglie gialle y cadevano, come è normale che sia, …ma altri stava ancora facendo le gemme!!!!!!!!!!!! come se fosse primavera!…questo sarà per il clima che è un po’ pazzo!!!!….

Qui siamo sotto un, anzi tre, eucalipto del giardino della scuola raccogliendo foglie e corteccie, e quella in bianco più alta è la maestra Patricia.

Come noi non capiamo bene l’italiano, la maestra ci ha raccontato la vostra esperienza con gli escrementi di coniglio al Parco Nord…e sapete cosa?? Solo uno dei nostri compagni ha indovinato perché le feci sono sprofondate!!!! Lui si chiama Tomas…

Adesso vi salutiamo, ed aspettiamo ancora una vostra lettera, dove ci racconterete anche i vostri nomi e mille altre cose!!!! Ahhhhh è possibile inviarci l’indirizzo postale della vostra scuola??

Grazie di averci scritto e aspettiamo che questo contatto vada avanti.
Ah! In bocca al lupo per i mondiali di calcio!!!!!!!!!!!!

Ciao a tutti!!!!!!!!!!!!!!!!!!! Da questa bella terra argentina un grande saluto per tutti i ragazzi della scuola e anche per i professori!!!!!!!!!!!!!
I ragazzi della scuola Belgrano di Salta.

Le foglie in fondo sono di uno dei tipi di eucalipto che si trovano nella provincia, cosi come quelle allungate di colore viola.

Qui si vedono in primo piano i diversi tipi di foglie di eucalipto; in alto a destra, ci sono quelle del gelso, che noi chiamiamo “morera”, perchè fa le “more”; c’è anche quelache foglia di pino.

Sulla destra si vedono i pezzi di corteccia del eucalipto, e in basso (al centro dell’immagine) ci sono i frutti (due) di un albero nativo molto bello che si chiama “Jacaranda”.

———————————————————————————————————————————————-

Per i bambini della scuola di Salta (Argentina)
1h Media Einaudi (Sesto San Giovanni)

CIAO A TUTTI !

Siamo i ragazzi della classe 1H della Scuola Media Statale ” L. Einaudi”.
Siamo in tutto 17 (7 femmine e 10 maschi) molto vivaci, chiacchieroni (almeno così ci dicono), ma anche simpatici. Abbiamo letto sul sito del Parco Nord la vostra lettera e abbiamo deciso con entusiasmo di rispondervi.
La nostra scuola fa parte di un istituto più grande che si chiama “Istituto Comprensivo A. Frank” e che comprende bambini della scuola materna e della scuola elementare (dai 3 ai 10 anni) e ragazzi della scuola media, come noi, dagli 11 ai 14 anni e tanti insegnanti.
La nostra scuola è molto accogliente ed è circondata da un ampio giardino con alberi dove noi possiamo giocare e rilassarci.
E’ situata in una città che si chiama SESTO SAN GIOVANNI in provincia di Milano e si trova in LOMBARDIA, nel nord dell’ITALIA.

Sesto è una città grande, con molti palazzi, negozi ed enormi centri commerciali, servizi di ogni genere e quindi tanto, tanto traffico.
Una volta era una città industriale dove si trovavano alcune delle più grandi industrie siderurgiche e meccaniche italiane; poi, quando queste sono state chiuse, è diventata una città del terziario.
E’ anche una città importante per la storia del nostro paese: ha ricevuto la medaglia d’oro per la Resistenza durante la seconda guerra mondiale.
Insomma, per noi è una bella città!!
Ma, come tutte le grandi città, con un difetto….l’inquinamento!!
Per questo l’amministrazione comunale pone da anni attenzione alla difesa dell’ambiente creando spazi verdi e tanti, piccoli e grandi, parchi.
Tra questi il “PARCO NORD MILANO” che si estende per circa 600 ettari su un territorio che appartiene a diversi comuni tra cui il nostro.
La sua ideazione risale alla fine degli anni ’60, ma solo nel 1975 venne riconosciuto dalla regione Lombardia come Parco Regionale.
Oggi può contare su 350 ettari di verde organizzati in zone boschive, radure, filari, macchie arbustive, siepi e piccoli specchi d’acqua; ci sono anche animali e uccelli come: la volpe, il coniglio, il picchio, il gufo.

Durante tutti i giorni della settimana, ma in particolare nei giorni festivi, è pieno di gente che passeggia, corre, gioca, si diverte, prende il sole, respira aria più pulita.
Per noi ragazzi è un luogo di qualità, creatività e curiosità, insomma anche un luogo per studiare divertendosi.

Ci siamo divisi in 4 gruppi ed abbiamo iniziato a raccogliere foglie, bacche, pigne, cortecce e di una pianta anche i fiori. A noi quest’attività è piaciuta moltissimo e non vediamo l’ora di poterla rifare anche perché Massimo è stato molto chiaro nelle sue spiegazioni.

Successivamente in classe abbiamo realizzato un fogliario utilizzando diversi libri per poter capire ciascuna foglia a quale albero possa appartenere. Non è stato facile, ma con questa attività abbiamo avuto la possibilità di scoprire e capire più cose, abbiamo imparato a riconoscere alcuni tipi di piante e anche a convivere meglio con la natura.

Nella vostra lettera ci dite che anche voi siete molto interessati alla problematica ambientale, che vi piacerebbe essere coinvolti nel progetto del Parco e già avete costituito un’equipe di lavoro.
Siamo molto curiosi di sapere cosa state facendo!!!
Intanto potete vedere alcune immagini relative alla nostra attività al Parco.
Presto potremo ritornarci per verificare le informazioni che abbiamo raccolto e per fortuna questa volta farà meno freddo perché è primavera e gli alberi saranno carichi di nuove foglie e forse anche di fiori.
TANTI, TANTI saluti e un abbraccio forte, forte da tutti noi e dalle nostre insegnanti!!!!
W BRUGHILLO!!!!!!! CIAO CIAO A PRESTO!!!!!

I ragazzi della 1H

———————————————————————————————————————————————–

Per i bambini della scuola di Salta (Argentina)
4d Elementare piazza Costa (Cinisello Balsamo)

Ciao,
siamo la classe 4D della scuola primaria Costa di Cinisello Balsamo.

La scuola primaria è composta da 1°, 2°, 3°, 4°, 5° classe e la frequentano bambini dai 6 agli 11 anni circa.

Abbiamo letto la vostra lettera sul sito del Parco Nord con la maestra Alessandra e siamo felici di raccontarvi un po’ di noi .

La nostra classe è composta da 18 bambini: 10 maschi e 8 femmine.

Ecco i nostri nomi in ordine alfabetico:
Bacila Rodica, Bologni Luisiana, Bomba Vittorio, Bozza Andrea, Branchi Paolo, Campana Eleonora , Cogean Andrei, Colucci Fabio, D’Aloia Martina, Nicholas Farinato, Grandi Elisa, Lo Nardo Mirko, Mazza Alessandro, Mazzei Marco, Polipoli Diana, Re Giorgia,Staropoli Salvatore, Venturini Jessica.

Noi stiamo a scuola dalle ore 8,30 alle 16,30 dal Lunedì al Venerdì.

Abbiamo quattro maestre che insegnano discipline diverse: la maestra Alessandra insegna aritmetica, geografia, geometria, scienze, educazione motoria.
La maestra Clara insegna lingua italiana, storia, studi sociali, educazione musicale, educazione all’immagine.
La maestra Marilena insegna religione cattolica.
La maestra Giovanna insegna lingua inglese.

L’edificio della nostra scuola è molto grande e un po’ dispersivo . E’ composto da tre piani più il seminterrato dove ci sono la palestra ed il refettorio e dal sottotetto dove ci sono i laboratori.

Il giardino e abbastanza grande, ma non sufficiente per far “sfogare” i circa 380 bambini della scuola tutti insieme, perciò scendiamo a turni. Anche in mensa ci sono i turni: cominciano a mangiare i bambini di prima alle ore 12,15 fino agli ultimi di quinta che scendono in refettorio alle ore 13.

Una bella piscina confina con la scuola e tutte le classi frequentano una volta alla settimana un’ora di lezione di nuoto tenuta da istruttori specialisti.

La nostra scuola è vicina al Parco Nord e le maestre Alessandra e Clara due volte all’anno ci portano a fare delle esperienze con l’aiuto di Massimo, una guardia parco che ci spiega tante cose,
è paziente, ci fa giocare e, soprattutto, ci stupisce facendoci vedere e conoscere luoghi e abitanti del parco anche attraverso le loro tracce.

Volevamo raccontarvi la nostra ultima esperienza al parco con Massimo e le nostre maestre: a caccia di funghi e muffe!
Il giorno 18 di Novembre 2005 c’era il cielo nuvoloso ed una fitta nebbia ( da noi è inverno)
Siamo giunti al Parco Nord e Massimo ci ha accompagnati ad approfondire gli argomenti svolti in classe cioè i funghi e le muffe.
Gli abbiamo mostrato i cartelloni che avevamo preparato a scuola ed il materiale che avevamo portato per la ricerca.
Abbiamo raccolto varie specie di funghi: alcuni con il cappello rotondo, altri piatto, alcuni dalla forma strana, dai molti colori, grandi e piccoli, velenosi per l’uomo, ma non per altri animali.
Massimo ci ha confermato che i funghi sono importantissimi per una catena alimentare: ha
paragonato il “lavoro” di un fungo a quello di un cuoco perché trasforma le sostanze organiche in sostanze nutritive. Infatti la decomposizione della materia organica forma l’humus che si trova
nella parte superficiale del terreno ed ha un colore più scuro della terra sottostante. Abbiamo scoperto che ci sono degli insetti che vivono nel tronco degli alberi perché abbiamo visto scavato le loro gallerie e, sollevando un tronco da terra, abbiamo potuto vedere le larve di maggiolino.
Ad un certo punto siamo arrivati in un boschetto lasciato crescere spontaneamente senza l’intervento dell’uomo. Lì abbiamo osservato che molte piante erano morte o pericolanti; su una di queste,una betulla, c’erano due tane: una di picchio ed un alveare di calabroni.
Alcune piante erano così decomposte che abbiamo potuto conficcare nel tronco una paletta metallica con molta facilità, sembrava di affondare il coltello in una morbida torta.

Per finire la nostra esperienza , Massimo ci ha stampato sulla mano il timbro di Brughillo.

Come al solito l’ora di tornare a scuola è arrivata in fretta!

Vedere http://www.teleparconord.it/2005/scuole/cb_costa4d.htm

La prossima esperienza sarà in Maggio (da noi è primavera inoltrata ).
Vi faremo sapere come è andata.

———————————————————————————————————————————————-

Ciao!
Ecco alcune fotografie del Parco San Martin.

———————————————————————————————————————————————–

Ciao!
Ecco le nostre fotografie e le immagini della nostra classe.

——————————————————————————————————————————————

Ciao!
Come siamo contenti di iniziare da oggi questo dialogo con l’equipe di lavoro del Parco Nord e i bambini delle scuole che lavorano con voi.
Il mio nome è Patricia Pellicer, sono maestra di bambini di 7 e 8 anni che frequentano la classe terza di E.G.B. 1 (Educazione Generale di Base) nella Scuola “Belgrano”, in cui lavoro da 18 anni.
La docenza è veramente un grande amore per me e mi piacciono le sfide e le proposte nuove che questa mi presenta; perciò quando Carolina ci ha invitato a partecipare di questa avventura ho detto: Si! Avanti!

Vi racconto che la nostra scuola è molto importante in Salta, la nostra provincia (è anche il nome della nostra città). Ha una grande tradizione dato che è stata inaugurata nel 1899 da un’ idea dei Canonici Regolari di Letran (la congregazione degli Agostiniani).
Attualmente abbiamo 1700 alunni distribuiti in 5 livelli:

Livello Iniziale (da 4 a 5 anni)

E.G.B. (Educazione Generale di Base) 1° 2° 3° triennio (da 6 a 14 anni)

Polimodal – Liceo Scientifico, Classico, Tecnico, Commerciale (dai 15 ai 17 anni).

La maggior parte dei nostri diplomati prosegue all’università, e riescono ad inserirsi sia nel nostro ambito lavorativo nazionale, sia all’estero con grande prestigio (ad esempio ne abbiamo uno a Pavia!).

La nostra Istituzione si trova nel capoluogo della provincia di Salta, nella zona centrale della città.

Adesso vi racconto un pò della nostra città. Sapete che la chiamano “la linda” (la bella)? E’veramente un posto bellissimo, è situato in una valle circondata di montagne di una incomparabile bellezza naturale e varietà di colori, climi, suoli, vegetazione, ecc.
Si capisce che siamo orgogliosi della nostra provincia?

Dovete venire a conoscerela!!

L’architettura rispetta la tradizione coloniale della zona, arricchita con grandi monumenti: segno di rilevanza per la nostra regione che è molto importante nella storia del nostro paese. Nel prossimo contatto vi racconteremo qualcosa di più … se siete interessati.

Come vi ho detto prima, la nostra scuola è tradizionale come lo è anche la nostra società, che orgogliosa mostra le sue tradizioni ai turisti (gauchos, caballos, empanadas, ecc).

Adesso voglio presentarvi i principali protagonisti di questa avventura: gli studenti.
Loro sono ragazzi curiosi, attivi (troppo!), partecipativi, un po’ agitati, impegnati con le cose che piacciono loro, e questo progetto gli è piaciuto tantissimo, anche ai loro “genitori”, e vogliono cominciare a lavorare SUBITO.

Sono molto interessati alla problematica ambientale e guardano attentamente i programmi educativi (tv, internet), e anche le cose che imparano a scuola.
Ecco i nomi dell’equipe di lavoro :

Martín Specterman – Franco Galli – María Paz Carreras – Franco Balbi – Matias Rivero – Matias Herrera – Guadalupe Figueroa – Jimena Dagum – Lautaro Marocco – Micaela Castellanos – Rodrigo López Asencio – Jael Cancinos – Agustina Ovalle – Sofia Muñoz – Nahuel Dip.

Nelle foto che vi abbiamo inviato potete vedere i volti di bambini dinamici, con voglia di lavorare; potete vedere anche i posti dove lavoriamo tutti i giorni a scuola.

Ho guardato il sito del Parco Nord Milano e sono rimasta meravigliata! mi è piaciuto tantissimo, ed è molto importante che ci sia gente che lavora per educare i bambini riguardo dell’ambiente e la natura.

Noi qui, nella nostra Salta (città) abbiamo un parco un po’ piccolo, che si chiama “Parque San Martín”, è molto piccolo ma è bello comunque, vi invio alcune foto, così potete conoscerlo.

Adesso vi saluto, aspettando la vostra risposta, le vostre notizie, per iniziare così questo nostro “viaggio alla conoscenza dell’ambiente” che sicuramente sarà molto interessante!

Da qui invio tanti auguri per la gente di questo progetto

Un bacione particolare a Brughillo!!!

Un grazie anche a Massimo e alla prossima!!!!!!!!

Patricia

 

2 Comments

  1. conigliotimoti
    10:22 on luglio 1st, 2006

    Wow!
    sole, palme, laghetti, fontane,cielo azzurro…sarebbe un lungo viaggio da qui, ma ne varrebbe proprio la pena!
    Mi prudono le gambe dalla Brughillite!
    (Commento di Cucciolo 2006)

  2. conigliotimoti
    10:23 on luglio 1st, 2006

    Ciao a tutti!!! Sono Carolina, il “contatto” con la scuola argentina.

    Proprio adesso mi trovo in Argentina, il mio paese. Qui hanno appena cominciato le vacanze d’estate, perció sono tutti fuori cittá. Appena tornerano dalle vacanze riprendermo il contatto.
    In tanto vi saluto, augurando a tutti voi e le vostre famiglie un buon 2007!!!!

    A presto. Carolina
    (commento di Carolina)